In No Sense? Nonsense!: Ripubblicato il terzo album degli Art Of Noise

Cover_IN NO SENSE_ NONSENSE!
E’ stato ripubblicato da Warner Music Italt In No Sense? Nonsense!, il terzo album degli Art Of Noise, ampiamente considerato il lavoro più avventuroso e più sperimentale della band inglese.

Il pacchetto deluxe doppio CD contiene l’audio rimasterizzato del disco più 22 registrazioni inedite estrapolate dai nastri originali, diverse versioni singole e una moltitudine di missaggi, alcuni disponibili su CD per la prima volta.
Le collaborazioni includono Paul McCartney in Spies Like Us e Duane Eddy in Lost Innocence e Spies che completano la trilogia del gruppo con il maestro del Twang, collaborazione che iniziò con la rielaborazione di Peter Gunn, vincitore di un Grammy Award nel 1987. I singoli includono inoltre “Legacy” e “Dragnet” con il campionamento di Dan Aykroyd e Tom Hanks.

“Pubblicato originariamente nella tarda estate del 1987, In No Sense? Nonsense! è un album di giustapposizioni. In quel periodo gli Art of Noise non erano più un gruppo, ma erano diventati un duo: Gary Langan aveva lasciato il progetto dopo In Visible Silence lasciando Anne Dudley e JJ Jeczalik al timone. Essendo più che due semplici musicisti, con stili differenti sono riusciti ad affiancare due modi completamente diversi di fare musica. Una serie di collaboratori americani – da Arthur Baker ai Fat Boys passando per Duane Eddy – sono stati contrapposti alla quintessenza inglese, il coro della Ely Cathedral e il suono dell’Intercity 125. La tecnologia all’avanguardia – the Akai S900 e la Fairlight Series III- è stata invece opposta a pezzi classici e al piano. E da un album che originariamente includeva solo un singolo furono estrapolate una serie di tracce che furono utilizzate come soundtrack per i film di Hollywood: Dragnet (che fece guadagnare agli Art of Noise una seconda nomina ai Grammy), Spies Like Us (con Paul McCartney), Earth Girls Are Easy (per Julian Temple), Silence Like Glass e Disorderlies. Gli Art Of Noise sono riusciti in qualche modo a pubblicare il loro lavoro più connesso e fluido: 70 minuti di armonia ininterrotta e in progressione. Nonostante queste giustapposizioni o forse grazie a queste?” (Ian Peel, dalle note di copertina della deluxe edition)

Tracklist:
Disc One. The Original Album
Galleons of Stone
Dragnet
Fin du Temps
How Rapid?
Opus for Four
Debut
E.F.L.
Ode to Don Jose
A Day at the Races
Counterpoint
Roundabout 727
Ransom on the Sand
Roller 1
Nothing was going to stop them then, anyway
Crusoe
One Earth
The Singles
Legacy (7” Mix)
Dragnet (7” Mix)
Spies Like Us (Alternative Mix) – Paul McCartney
Spies – Duane Eddy
Ode to Don Jose (7” Edit) *
Opus III
Lost Innocence – Duane Eddy
Acton Art
Ransom on the Sand (7” Edit) *
Debut (7” Edit) *
Dragnet ’88 (7” Mix)

Disc Two. The Making Of…
Fin du Temps (Air) *
Domestic Disco *
Roller 1 (Out-take)*
Faberge 12 (Opus for Four) *
Theatrical (E.F.L.) *
Galleons of Crusoe *
Western (Ode Take 1) *
Moog and Baboon (Ode Take 2) *
More Moog and Baboon (Ode Take 3) *
Judo 3 (Ode Take 6) *
Sam (Demo for Duane Eddy) *
Nobody told me anything *
Racing *
Sweet Reason (Judo 2) *
Exercise and Pool Montage *
Last Chance to Dance (Edit) *
Ringing in the Ears *
The Mixes
Stop Here! — Legacy (12” Mix)
Dragnet (12” Mix)
Dragnet ’88 (12” Mix)
Spies (Espionoise Mix) – Duane Eddy
2 Many Thankyous *
One Earth (New Mexico Mix) *