Credo: Vincenzo Incenzo e quell’atto di fede nella musica

D03A2895ph Roberto Rocco_b
“Scrivo per provare ingenuamente a volare, per ristabilire un equilibrio con il mondo in cui viviamo. Credo ancora che le canzoni possano avere un compito, parlare alla gente, sollecitare coscienze. Mi piace raccontare il battito d’ali di una farfalla come il terremoto sociale. Le canzoni possono fare cultura, pensiero, opinione. Possono, come è stato in altre stagioni”.

A parlare così è Vincenzo Incenzo, autore di numerose pagine diventate parte fondamentale della musica italiana: dalla sua penna sono infatti usciti brani come Cinque Giorni, L’elefante e la farfalla, L’acrobataL’alfabeto degli amanti per Michele ZarrilloIl passo silenzioso della neve per Valentina Giovagnini, Un altro amore no per Lorella Cuccarini. Ma tanti sono gli artisti che annoverano nel loro repertorio almeno una collaborazione realizzata insieme a Incenzo: da Lucio Dalla ad Antonello Venditti, passando per Sergio Endrigo, Premiata Forneria Marconi, Franco Califano, Ornella Vanoni, Patty Pravo, Al Bano, Tosca, e Renato Zero. E poi ancora musiche per il teatro e la televisione. 

E proprio grazie a un’intuizione di Renato Zero, che si occupato anche della produzione, Vincenzo Incenzo ha deciso di presentarsi ora con il suo primo album nelle vesti di interprete, oltre che di autore.
D03A2190 copia_ph Roberto Rocco_b
Il suo primo disco si intitola Credo, e così ne parla l’artista romano: “Arrivo a questo progetto dopo un viaggio infinito: tanti successi per grandi artisti, teatro e musical importanti, saggi e romanzi; ho scritto senza sosta, sin da bambino, il mondo volava fuori dalla finestra come un pallone su un prato e io non riuscivo a lasciare la mia stanza, inchiodato lì, a cercare di rappresentarlo, di aumentarlo, anche a costo di non viverlo. Una malattia, un bisogno. Niente è cambiato crescendo, se non gli interlocutori e gli strumenti. Sono rimasto sempre in quinta, in silenzio, ma ho sempre sognato di cantare quanto scrivevo. Sin dal primo giorno che misi piede al Folkstudio, a 17 anni. In quel locale storico, che aveva cullato i più grandi e che stava per chiudere i suoi battenti, tutti vedevano per me un futuro da cantautore. Ora è come tornare al punto di partenza, a quel piccolo palco di Trastevere dove ho iniziato a cantare le mie canzoni. Mi sembra in qualche modo di recuperare il mio primo Credo, l’essenza più profonda di me stesso. Quell’essenza che non si è mai spenta ma alla quale credevo ormai di dover rinunciare. Lo devo a Renato, che si è accorto del mio grido mentre stavo in silenzio. Lavoravamo insieme al suo disco, e per caso è saltato fuori un mio provino. ‘Che aspetti?’ mi ha detto. Qualcosa da quel momento si è acceso e non si è più spento. Scrivevo una canzone al giorno e gliela inviavo per avere il suo immediato parere. Avere un confronto del genere accende tutti gli special del cervello e del cuore. Il lavoro è nato e cresciuto al suo fianco, ed ora è qui, per arrivare più lontano possibile. Vi assicuro che c’è tutto il mio cuore, la mia rabbia e le mie lacrime; e tutto quello che ancora non ero riuscito a dire“.

Ad anticipare l’album è stato il singolo Je suis, un atto di accusa verso l’ipocrisia e la falsa morale che che si nascondono nei social network e dietro allo schermo di un computer, dove è più comodo manifestare una finta partecipazione o un’empatia di circostanza solo per dimostrare di esserci, sempre e comunque.

Nel disco Incenzo interpreta anche alcuni dei brani da lui firmati e portati al successo da altri artisti: fra questi, Cinque giorni, che vede la prtecipazione di Renato Zero.
VINCENZOINCENZO_cover-01_b
Questa la tracklist dell’album:
Je suis
La mia canzone per te
L’elefante e la farfalla
Prima di qualunque amore
Pensiero unico
Il primo giorno dell’estate
La canzone che sta passando
Cinque giorni 
(guest Renato Zero)

I nemici dell’amore
L’acrobata
Dal paese reale
Salutami l’amore – intro
Salutami l’amore


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.