Nella valigia dei ricordi. L’attitudine emo di GionnyScandal tra rap e pop

COPERTINA emo
Non fatevi ingannare dal primo sguardo: quello che GionnyScandal tiene in mano sulla copertina del suo nuovo album non è un semplice gelato al pistacchio che si squaglia. A guardarlo bene, ecco le arterie e le valvole: quello è un cuore, proprio in senso anatomico.
Un’immagine che è una sintesi perfetta per rappresentare il mood di Emo: i colori quasi fluo e pop dello sfondo e del gelato con il dolore che si scioglie. Gioia e sofferenza insieme, nel tipico contrasto della cultura emo, quella che celebra le emozioni amplificate, nel bene e nel male. In musica ha prende il nome emo-core, genere non particolarmente prolifico (benché esistente) in Italia, ma da anni del tutto sdoganato in America.
Se vi state chiedendo quale sia il filo che unisce GionnyScandal all’emo, forse vi sfugge qualcosa, perché nonostante gli venga quasi sempre affibbiata l’etichetta di “rapper” Gionata Ruggieri definisce se stesso e la sua musica emo. Anzi, prima di darsi al rap “screamava” proprio in una band emo.
In realtà, spiega, non è stato lui a dichiarare di voler entrare nei ricordi, ma sono stati i fan a confessargli di potersi identificare nelle sue storie: “Ho una valigia immaginaria in cui metto tutte le cose che vivo e che tiro fuori quando scrivo. Nel disco scrivo e canto quello che mi succede, e con le canzoni torno nei ricordi. Abbiamo tutti bisogno di ricordare, e non importa che siano ricordi belli o brutti. Essere emo è questo, vivere tutto in maniera amplificata: sono ipersensibile, se sto bene lo vivo molto più del normale, e lo stesso se sto male“.gionnyscandal6
Come far andare d’accordo però un’indole emo con un disco come questo, in cui più di un episodio sembra avvicinarsi più al pop o al rap? “Fosse stato per me, avrei riempito l’album di chitarre elettriche e suoni più pestati, ma mi rendo conto che ci sono delle dinamiche da rispettare e un mercato da soddisfare: in Italia l’emo-core non vende, per cui ammetto di dover essere sceso a compromessi. Il mood è così rimasto pop, ma gli accordi sono emo“.
Ecco allora spiegato il divertimento di W la Fifa o la trap di Hip hip urrà: “Il rap non mi rappresentava più, non era più il mio mondo, ma ho voluto far vedere che sono ancora capace di rappare, e l’ho fatto scegliendo la corrente del rap che va di moda oggi, la trap”.
Tra i compromessi va inevitabilmente inserito anche Il posto più bello: “L’uscita dell’album a maggio imponeva di pensare anche all’estate, e quindi la scelta è ricaduta sul reggaeton”.
Gli 11 pezzi di Emo sono il frutto delle selezione di oltre 100 canzoni scritte: “Non mi era mai successo di aver scritto così tanto: ho passato un periodo a scrivere in continuazione, scrivevo in ogni momento, anche mentre ero in bagno. Se non scrivevo mi veniva la paranoia di non riuscire più a farlo. Per scegliere i pezzi da mettere nell’album mi sono affidato all’ascolto e ai feedback dei miei collaboratori più fidati. La vera difficoltà comunque arriverà quando dovremo scegliere i prossimi singoli, perché tutte le canzoni finite nel disco hanno la potenzialità per esserlo”.

Sono lontani i tempi del precedente Reset, in cui rielaborava il dolore legato alla sua storia personale, con l’abbandono dei genitori biologici e la morte di quelli adottivi: “Ho attraversato anche la depressione, quella vera, e non mi vergogno a dirlo, anche se capisco che possa creare disagio. Oggi sono guarito e a quel fuoco non voglio più avvicinarmi, ecco perché in questo album non ho parlato della mia storia. Anche il brano finale, Ti voglio ancora bene, non è dedicato solo a mia madre, ma è una lode alla figura materna in generale”.
Nei confronti dei genitori biologici, spiega, oggi non prova sofferenza, ma “ho più curiosità, mi piacerebbe incontrarli. So di avere un fratello e gli ho anche lanciato un appello in TV per incontrarlo, ma dall’altra parte non c’è stata risposta. Se lui vuole, io ci sono”.
GIONNY SCANDAL 5
Il 6 settembre GionnyScandal è atteso all’Alcatraz di Milano, per la prima data di un tour che andrà a prendere forma nelle prossime settimane e che dovrebbe fare tappa a Roma, Firenze, Bari e Palermo: “L’Alcatraz è un passo avanti rispetto ai Magazzini Generali. Forse è azzardato, ma non volevo aspettare ancora. Il tour partirà dopo l’estate, quando il mio pubblico tornerà dalla vacanze per l’inizio delle scuole”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...